oro argento beni rifugio

L’argento è diventato più conveniente dell’oro?

Con la crisi da coronavirus molti investitori si sono riversati sulle materie prime, facendo tornare una “corsa all’oro” che non si vedeva da anni. Col deprezzamento anche del petrolio ora beni come oro e argento sono molto ambiti sui mercati, considerati “beni rifugio” in questo periodo di epidemia da coronavirus. Con il rischio in aumento per i rendimenti dei titoli di Stato molti investitori preferiscono investire in beni rifugio come oro ed argento, che danno garanzie maggiori sul rischio.

I prezzi dell’oro e dell’argento

Il prezzo dell’oro ha visto un aumento del suo valore del 4,8% negli ultimi tre mesi, mentre l’argento ha perso il 5,28% negli ultimi tre mesi, mentre rispetto a sei mesi fa guadagna circa il 2%. I prezzi dell’argento sono arrivati sopra i 18 dollari l’oncia, facendo diminuire la differenza di prezzo tra oro ed argento dai 120 punti di metà marzo ai 100 attuali. La media della differenza tra oro ed argento è di 40 punti, dunque molti investitori stanno puntando sul rialzo a breve del prezzo dell’argento, con le ultime sedute che lo hanno visto guadagnare il 10% e rispetto al mese scorso ha avuto un rialzo del 18%.